Terapia preventiva: SPORT UGUALE SALUTE

Giuseppe Capua
Giuseppe Capua

Di Giuseppe Capua*

 

Praticare un’attività sportiva è fondamentale per la tutela della salute. Il movimento e ancora meglio l’allenamento, sono considerati dalla stessa Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) una vera e propria terapia preventiva. Una sana e periodica attività fisica irrobustisce il cuore recando giovamento a tutto il sistema cardio-vascolare; rafforza muscoli ossa e in generale tutto l’apparato locomotore; migliora l’efficienza del nostro sistema immunitario; previene e riduce diabete, ansia e stress. 

Le persone attive vivono più a lungo e in età avanzata sono più autosufficienti e mentalmente più in forma. Una persona adulta dovrebbe fare almeno due ore e mezzo a settimana di attività fisica a intensità media, o in alternativa un’ora e un quarto di movimento a intensità elevata. L’attività fisica ha, inoltre, un effetto benefico sul benessere psichico e sulla qualità della vita, poiché lo sport rappresenta un elemento di fondamentale importanza anche all’interno del contesto sociale. In un periodo storico nel quale molti ragazzi distruggono la loro esistenza cercando accanitamente lo ‘sballo’, occorre porsi in netto contrasto con droga, alcool e fenomeni devianti come il bullismo. Lo sport, in questo senso, può e deve assumere un ruolo rilevante nella vita dei giovani, fungere da deterrente per chi cerca una scarica di adrenalina al di fuori delle regole. 

 

Sono convinto che, anche attraverso le varie attività sportive, possiamo formare cittadini migliori nel rispetto di sé e degli altri. A tal fine lo sport dovrebbe essere un valore da salvaguardare e allo stesso tempo da promuovere. Sarebbe importante configurare il sistema sportivo come sistema aperto, promuovendo attività multidisciplinari secondo una logica non strettamente riconducibile al primato del risultato e infrangere quella barriera di incomunicabilità che troppo spesso si innalza tra gli individui che abitano in una grande metropoli come Roma. Come medico e presidente della Commissione ministeriale ‘Vigilanza e controllo sul doping e per la tutela della salute nelle attività sportive’, ritengo che lo sport sia indispensabile per prevenire forme di devianza connesse, come accennavo prima, all’abuso di droghe e alcool, ma anche per mettere un freno a problematiche legate al doping e al bullismo, questioni che interessano prevalentemente i giovani e che pongono dei seri punti interrogativi sul futuro delle nuove generazioni. Parlavamo prima dei benefici che può arrecare al nostro organismo l’attività sportiva, ma quando si compete ad alti livelli, la tentazione di ricorrere al cosiddetto ‘aiutino’ può essere molto alta. Tale pratica, tra l’altro, si sta diffondendo anche a livello amatoriale. Ecco allora che lo sport, da importante strumento di prevenzione, si trasforma artificiosamente in qualcosa di molto pericoloso per il nostro corpo. 

leggi di più

A PISA LA OXFORD DEL CALCIO

Di Ornella Cilona

Conciliare la vita da studenti con quella da atleti diventa finalmente possibile. All’ombra della Torre Pendente è nato il Pisa Football College, la prima scuola internazionale di calcio tutta italiana.

Ideato dall’imprenditore Fabio Petroni, presidente del Pisa Calcio e fondatore del gruppo britannico Terravision, il College accoglierà giovani delle scuole medie e superiori, anche stranieri, intenzionati a praticare attività calcistica ad alto livello. Per loro niente più lezioni perse a causa di gare e allenamenti. Finalmente potranno inseguire il loro sogno senza dover rinunciare allo studio.

“Anche nello sport perdiamo giovani talenti perché siamo incapaci di offrirgli un futuro coerente con le loro attese e le loro competenze”, afferma Fabio Petroni, romano, 55 anni, laurea con lode in economia, che nel 2002 si trasferì a Londra per fondare il gruppo Terravision, oggi leader nel settore del trasporto turistico per i viaggiatori in transfer dagli aeroporti delle maggiori città europee ai rispettivi centri urbani e viceversa. Nel 2015 gli inconfondibili pullman Terravision hanno trasportato 4,8 milioni di passeggeri in Gran Bretagna, Olanda, Portogallo, Italia e Malta; il fatturato del gruppo lo scorso anno ha raggiunto i  35 milioni di euro. Pisa, che secondo una ricerca dell’Università Milano Bicocca è la città per la quale gli italiani spenderebbero di più per trasferirvisi, possiede un eccellente sistema scolastico e universitario, con docenti e strutture di alto livello.

 

 

 

 

leggi di più

Gabriele Gravina: La responsabilità sociale

Di Felice Vincenzi

 

“Per la nostra azienda la responsabilità sociale è una opportunità di crescita e non un ulteriore costo da sostenere. E’ vero, siamo al centro di una grave e storica crisi economica, ma a volte mi chiedo se sia solo una crisi economica, quella che stiamo attraversando, o non, piuttosto, una crisi di valori sul modo di fare impresa, ossia sull’incapacità di saper generare, attraverso l’uso della attività economica, ricchezza e benessere sociale”. Imprenditore, docente universitario e soprattutto amante e mecenate dello sport e della cultura, Gabriele Gravina, pugliese di nascita e abruzzese di adozione, è a capo di un gruppo che opera in diversi settori dell’imprenditoria e conta su un centinaio di collaboratori. Un gruppo del quale la responsabilità sociale, come sottolineato dallo stesso Gravina, permea tutte le attività e non rappresenta uno slogan. Men che meno in questi anni di crisi. 


leggi di più 0 Commenti

SPORT&BUSINESS: Il calcio dribbla la crisi

Di Carlo Tavecchio*

 

Il calcio è una risorsa importante per l’intero sistema Paese. Sotto diversi punti di vista, lo sport più amato dagli italiani rappresenta un traino i cui effetti si riscontrano direttamente nel benessere della vita dei cittadini. Recentemente, il presidente del Coni, Giovanni Malagò, ha affermato che il Governo, sostenendo la candidatura di Roma alle Olimpiadi 2024, ha voluto ‘risollevare l’Italia’ che attraverso lo sport e il calcio deve e vuole fare la sua parte. Perché il calcio è un veicolo sociale di grande impatto. Essendo uno sport dal grande coinvolgimento nel nostro Paese come in gran parte del resto del mondo, il calcio assume connotati che travalicano il semplice aspetto agonistico.

leggi di più 0 Commenti